Dov’è nascosta la mia canzone?! Quella che posso cantare solo io, quella cucita per me che mi calza a pennello? A casa mia nessuno lo sa, e allora parto, vado in giro per il mondo a chiedere, a cercare, sperando che qualcuno conosca il posto dov’è custodita. Ma nessuno sembra averLa mai vista, finché un giorno Corvo (un giorno che credevo di essere arrivato alla fine del mio viaggio) mi indica un posto luminoso lontano. E io volo a perdifiato. Finalmente! Finalmente avrò la mia melodia!… ma il posto magico tanto sognato è casa mia… dopo aver circumnavigato il mondo, dopo aver incontrato tanti amici, scalato montagne, volato nella tempesta torno al punto di partenza senza nulla. Sono triste e vorrei dirlo ma quando apro il becco invece di un pianto esce un canto meraviglioso, una poesia così bella che parla di tutto ciò che è stato, del mio viaggio, di me, dell’amore verso chi ho ritrovato. La mia canzone è sempre stata qui, ma per trovarla dovevo andare lontano. ❤️

“La melodia nascosta”, di Vern Kousky , ill. Teresa Bonaddio. Trad. Federica Urso. Ed. De Agostini